Quali esperienze ha fatto con la CSS, Signora Di Nicola?

Quali esperienze ha fatto con la CSS, Signora Di Nicola?

Spesso, il conteggio delle prestazioni è complesso. La cliente Evelin Di Nicola ha tuttavia potuto verificare in prima persona come la CSS Assicurazione affronti le questioni e si migliori costantemente.

All’inizio fu il caos Per Evelin De Nicola, quel momento di 16 anni fa fu uno shock. «Come se all’improvviso perdessi il controllo». Sarebbe dovuto essere il giorno più bello dell’anno – il suo compleanno, ma improvvisamente la mano destra cominciò a tremare. Evelin ebbe paura e il suo cuore cominciò a battere all’impazzata. «Per fortuna la sera stessa una mia amica mi ha accompagnata in ospedale». I sintomi facevano pensare all’epilessia. «Da allora assumo un medicamento per evitare gli attacchi epilettici».

Medicamenti non rimborsati

Grazie a questo medicamento, Evelin non ha più avuto attacchi. «Purtroppo, le complicazioni le ho avute con la CSS. Cosa veramente spiacevole». Cosa era successo? Alcuni anni fa Evelin cambiò il modello della sua assicurazione di base. Con l’Assicurazione del medico di famiglia Profit si risparmia sui premi, ma ci si impegna a usare medicamenti dal prezzo contenuto, o un generico oppure un preparato originale economico. «In sé una buona cosa», ritiene Evelin. «Tuttavia il mio neurologo mi ha detto che per motivi medici devo continuare ad assumere il farmaco finora utilizzato». In casi del genere la CSS copre anche nel quadro dell’Assicurazione del medico di famiglia i costi per i medicamenti più cari. Tuttavia, inizialmente accadde tutt’altro: Evelin ricevette più conteggi delle prestazioni nei quali i costi erano rimborsati solo al 50 % o non lo erano per niente». 

Tutto è bene ciò che finisce bene

«Un conteggio era troppo caro, l’altro non poteva essere corretto: all’inizio era un completo caos». Per chiarire la questione con la CSS, Evelin ha avuto bisogno di tanto tempo e tanta energia. Più volte ha telefonato al Contact Center, ma le incertezze si moltiplicavano. «È stato piuttosto faticoso. Comunque almeno dietro vi sono persone che si impegnano». E infine arrivò la buona notizia: tutti i conteggi delle prestazioni sono stati corretti e la CSS rimborsa a Evelin tutti gli importi relativi al medicamento. «Giù il cappello! La CSS prende sul serio le esigenze dei suoi clienti e affronta i problemi: penso che ciò sia davvero importante».