Quali esperienze ha fatto con la CSS, Signore Cusano?

Quali esperienze ha fatto con la CSS, Signore Cusano?

Che fare quando il conteggio per una degenza ospedaliera pare esageratamente elevato? Saverio Cusano e sua moglie sono stati molto grati al loro consulente della clientela per essersi occupato attivamente del loro caso. Grazie al suo aiuto, la clinica ha rimborsato una parte dei costi che avevano sostenuto.

Una visita in ospedale con conseguenze La notizia fu un brutto colpo per Saverio Cusano: Claudia, sua moglie, doveva ricoverarsi per qualche giorno, a causa di una malattia cronica. La coppia si recò alla clinica con una sensazione spiacevole e mille domande. Si susseguirono molte visite, finché alla fine, per fortuna, apparve chiaro che un intervento non era necessario. Saverio e Claudia, entrambi clienti della CSS, poterono tornare a casa il giorno stesso. Però, poco tempo dopo, si presentarono le questioni di natura finanziaria.

Per fortuna, c’era la CSS

«Non sapevamo più cosa fare», racconta Saverio. «E senza l’aiuto della CSS la nostra storia sarebbe forse finita male. «Ci arrivò la fattura per il trattamento in divisione semiprivata e l’importo da coprire era considerevole. In effetti, prima della visita in ospedale Saverio e Claudia avevano deciso di optare per un supplemento per la camera a due letti, però non c’era stato alcun pernottamento. Ma soprattutto, la coppia aveva anticipato all’ospedale una notevole somma.

Cusano cercò l’assistenza della CSS. Il consulente della clientela della CSS gli chiese di spiegargli con precisione la situazione e, dopo aver ascoltato con attenzione Saverio, si rese conto che nel conteggio da parte dell’ospedale doveva essersi insinuato un errore. Per Saverio fu una liberazione: «Mi resi conto subito che il consulente si era rapidamente messo nei nostri panni. I suoi consigli ci hanno davvero aiutato». Il fatto era che Saverio e Claudia non erano debitori, bensì lo era la clinica. Con informazioni precise, la coppia ha potuto contattare la clinica e ha ricevuto il rimborso dell’importo in sospeso.

Quasi come a casa

«Scegliere la CSS è stata una buona decisione», afferma Saverio Cusano sorridendo. Infatti, l’empatia non va data per scontata.«Nel colloquio con il vostro collaboratore ci siamo sentiti in buone mani, capiti e sostenuti quasi come se fossimo a casa nostra»: per questo motivo, Saverio e Claudia consigliano la CSS anche ad altre persone. «Quando cercavamo un’assicurazione nella quale si potesse avere fiducia, dei nostri amici ci avevano consigliato la CSS. Un ottimo suggerimento: per noi la CSS è la garanzia di un’ottima assistenza anche nei momenti difficili della vita».