Revision TARMED/TARDOC

La CSS considera necessaria la revisione generale in partenariato della tariffa TARMED. La struttura tariffaria TARMED non è più attuale e determina incentivi errati nel comportamento dei fornitori delle prestazioni, il che ha delle conseguenze negative sull'efficienza dei costi e sulla qualità della fornitura della prestazione.

Il 9.7.19 il comitato direttivo di curafutura ha deciso all’unanimità di approvare la nuova struttura ambulatoriale TARDOC. In questo modo, accetta la presentazione del pacchetto TARDOC, con la richiesta che con l’introduzione di TARDOC (art. 59c, cpv.1, lett. c OAMal) sia garantita la neutralità dei costi rispetto all’attuale tariffa con normative ex ante e correzioni ex post. Il 12 luglio 2019 i partner tariffari curafutura e FMH, insieme, hanno quindi potuto consegnare alla Cancelleria federale la struttura tariffale TARDOC, sottoposta a una completa revisione, dopo oltre 3 anni. È così stata raggiunta una pietra miliare sulla strada verso la realizzazione della tariffa per prestazione singola. I partner tariffari curafutura e FMH si sono accordati con gli assicuratori infortuni su una tariffa per singola prestazione conforme alla legge, oggettiva e calcolata secondo le regole dell’economia aziendale. I due partner si sono impegnati congiuntamente al trasferimento neutrale a livello di costi da TARMED a TARDOC, sebbene ci siano differenze nel modo di attuare la neutralità dei costi. La palla si trova ora nelle mani dell’UFSP, che deve stabilire la neutralità dei costi secondo legge. La struttura tariffale è stata presentata da una minoranza dei partner tariffari, mancavano infatti H+ e santesuisse. Il Consiglio federale può però approvare e mettere in vigore una struttura tariffale solo se viene presentata congiuntamente dalla maggioranza dei partner tariffari. L’UFSP deve ora verificare questa struttura tariffale e avviare la consultazione. In seguito, l’UFSP e il Consiglio federale possono effettuare proposte sulle tariffe, nonché fissare e mettere in vigore una struttura tariffale adeguata vincolante per tutti i partner tariffari. Un’entrata in vigore sarà possibile al più presto con effetto al 1° gennaio 2021. Dal suo primo giorno d’introduzione la struttura tariffale dovrà essere costantemente curata e, dove necessario, adeguata. Solo al momento dell’applicazione giornaliero della tariffa emergeranno le relative debolezze e lacune, che potranno poi essere eliminate in modo mirato e adeguato. Vengono inoltre create le basi e le condizioni per la prevista revisione annuale e l’ulteriore sviluppo della struttura tariffale. Per facilitare i futuri compiti dei partner tariffari, la CSS Assicurazione sostiene la creazione di un ufficio tariffario nazionale per la tariffa per singola prestazione ambulatoriale (analogamente a Swiss DRG). Con l’istituzione di un tale ufficio saranno risolti blocchi tariffari e ci si potrà attendere l’elaborazione professionale di una struttura tariffale conforme alla legge e perciò efficiente.