0844 277 277 Lu-Ve ore 8-18
CSS Assicurazione

Digitalizzazione

La CSS vede nella digitalizzazione uno strumento atto a promuovere la qualità e l’efficienza nel sistema sanitario svizzero. Per questa ragione, nei mesi scorsi la CSS ha lanciato per le sue clienti e i suoi clienti delle offerte innovative nell’ambito digital health. Due fra gli obiettivi principali di digital health sono il rafforzamento della responsabilità personale e un miglior collegamento delle varie istanze nel settore sanitario. Nell’ambito di progetti come „myStep“, gli assicurati assumono la propria responsabilità per ciò che concerne la loro salute e si sentono così più in forma, più sani e si muovono di più. Con l'aiuto di apparecchi mobili, i pazienti con malattie croniche sono in grado di sorvegliare la loro malattia, di rimanere mobili e di essere sempre in contatto con specialisti mediante la telecomunicazione. I fornitori di prestazioni in futuro saranno collegati tra di loro tramite la cartella informatizzata del paziente. I pazienti, a loro volta, autorizzeranno tali punti di intersezione, per permettere lo scambio e approfittare così in base all’analisi (anonimizzata) dei loro dati di una medicina personalizzata. Occorre anche tener conto delle paure della popolazione, adottando condizioni quadro sensate, che garantiscano la sicurezza dei dati e non mettano in pericolo la solidarietà nell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. La trasparenza non aumenta soltanto da parte delle persone assicurate. Mediante l’analisi di dati delle istituzioni, essa cresce anche tramite le prestazioni erogate. Ciò può promuovere la qualità e contenere i costi. Nel corso dell’estate 2016, la CSS ha lanciato un progetto di questo tipo, denominato QualiCheck, che permette il confronto della qualità dei trattamenti e della soddisfazione della clientela nei vari ospedali svizzeri per casi acuti.

Ulteriori informazioni sulla tematica digitalizzazione sono riportate nella nostra pubblicazione di politica sanitaria „im dialog/place au dialogue“ 2/2016 (en francese).