0844 277 277 Lu-Ve ore 8-18
CSS Assicurazione

Scissione LAMal / LCA

La scissione tra LAMal e LCA già oggi è ampiamente garantita:

  • Dal punto di vista della contabilità, già oggi l'assicurazione di base e l'assicurazione complementare sono divise.
  • La vigilanza è garantita da due istituzioni distinte: l’UFSP vigila sull’assicurazione di base, la FINMA sull’assicurazione complementare.
  • I premi per l’assicurazione di base e quelli per l’assicurazione complementare sono indicati separatamente agli assicurati.
  • I fornitori di prestazioni devono fatturare le loro prestazioni LAMal separatamente da quelle LCA.
  • Già oggi, senza il consenso della persona assicurata non è consentito alcun trasferimento di dati fra assicurazione di base e assicurazione complementare.


Un’ulteriore suddivisione crea maggiori costi e un onere maggiore a carico degli assicurati, anziché risolvere il problema degli stimoli errati presenti nel sistema sanitario. È evidente che una suddivisione del conteggio delle prestazioni non potrebbe essere effettuata in maniera semplice e senza ulteriori costi. Si tratta di un processo molto complesso nel quale informatica e procedure lavorative sono strettamente interconnesse. Venendo meno le sinergie, l’amministrazione di ogni assicurazione diventerebbe più cara.

Una suddivisione avrebbe come conseguenza anche oneri maggiori per gli assicurati. Quest'ultimi dovrebbero procedere al doppio inoltro di fatture dei medici e giustificativi, riceverebbero due diversi conteggi separati per ramo assicurativo e in caso di domande dovrebbero rivolgersi a due istanze diverse, che a loro volta dovrebbero coordinarsi a vicenda. Gli assicurati apprezzano invece la possibilità di percepire prestazioni da un'unica fonte. Pertanto, una gran parte degli assicurati ha oltre all'assicurazione di base anche le assicurazioni complementari presso lo stesso assicuratore. Già oggi gli assicurati dispongono della possibilità di stipulare l’assicurazione di base e le assicurazioni complementari presso due offerenti diversi, ma non ne fanno quasi uso. La separazione non corrisponde quindi a un'esigenza della popolazione, come dimostra anche il dato di fatto che l'iniziativa sulla trasparenza nel 2012 è fallita già allo stadio della raccolta delle firme.