Una tentazione a cui cedere: cioccolata fatta in casa

Una tentazione a cui cedere: cioccolata fatta in casa Una tentazione a cui cedere: cioccolata fatta in casa

La tentazione è enorme e la cioccolata onnipresente. Però c’è da dire che la cioccolata industriale contiene purtroppo troppi additivi. Alcune cioccolate contengono addirittura lo scadente olio di palma al posto del burro di cacao. Sorprendete per questo i vostri ospiti con del cioccolato sano. Abbiamo per voi delle ricette da far venire l’acquolina in bocca e inoltre vi forniamo gli argomenti sani affinché vi godiate, liberi da rimorsi, il piacere della cioccolata.

I Maya e la divina noce di cacao

Già i Maya conoscevano i semi di cacao e le loro particolari caratteristiche “divine”. Essi erano convinti che tale frutto fosse stato creato dal loro Dio e per questo era riservato al ceto superiore. La cioccolata dei Maya veniva mangiata soltanto in occasione di determinate festività e aveva poco in comune con la cioccolata dei nostri tempi. Le fave di cacao venivano usate come spezie oppure come bevanda fredde a base di cacao non dolcificato: la schiuma che si formava durante la preparazione allietava in modo particolare il palato dei Maya.

Quanto sono sane le fave di cacao?

Del cacao vengono dette molte caratteristiche positive, la maggior parte di cui però non sono ancora state scientificamente confermate. La vecchia credenza che il cioccolato renda felici, è soltanto una di queste.

  • Il grande numero di flavonoidi (antiossidanti) contenutovi ha un effetto positivo sull’elasticità dei vasi sanguigni e promuove l’irrorazione sanguigna. Di conseguenza viene sostenuto che essi abbassino il rischio di ictus e infarto.
  • Mentre le sostanze organiche teobromina e teofillina contenute nel cacao hanno un effetto stimolante sulla circolazione e il sistema nervoso centrale.
  • Inoltre, l’assunzione di cacao favorisce la digestione e ha un effetto positivo sulla flora intestinale.
  • Infatti, il cacao aumenta la sensazione di sazietà e diminuisce l’appetito.

Cioccolata “fai da te”

Preparare la cioccolata da sé è molto semplice. Per preparare la cioccolata “fai da te” vi occorrono fave di cacao crude (le trovate in erboristeria) e un mixer potente (altrimenti le fave di cacao non si macinano completamente).

Macinando la fava intera, il cioccolato avrà un sapore leggermente amarognolo e meno dolce. A seconda del grado di tostatura delle fave di cacao si potranno sprigionare molti dei oltre 600 aromi.

Ingredienti

  • circa 200g di fave di cacao crude
  • 40 g di zucchero a velo (ne risulta una cioccolata al 80%)
  • ev. 10-20 g di burro di cacao
  • Inoltre: uno stampo per la cioccolata. In alternativa si può usare della carta stagnola.
  • Tempo necessario 60 – 90 minuti

Tostatura

  • Selezionate le fave di cacao: utilizzare soltanto le fave chiare e intere.
  • Preriscaldate il forno a 110°.
  • Disponete le fave di cacao su di una teglia.
  • Tostate le fave di cacao durante 15 – 30 minuti, rimescolandole regolarmente. La durata della tostatura può variare a seconda del forno usato.

È possibile tostare le fave di cacao anche nella padella. Tuttavia risulterà più difficile regolare la temperatura.

Attenzione: questo processo richiede grande attenzione. Per questo motivo non allontanatevi dal forno durante la tostature per evitare che le fave si brucino. Se le fave si sbucciano facilmente e si sente un intenso odore di cacao, sono pronte e potrete spegnere il forno, cacciare la teglia e far raffreddare le fave.

Sbucciare le fave di cacao

Se avete tostato una piccola quantità potete benissimo sbucciare le fave a mano mentre, per quantità maggiori, potete spezzare le fave, metterle in un contenitore alto e soffiare vie le bucce usando un asciugacapelli (non in casa).

Macinare le fave di cacao tostate

  • Macinate le fave e lo zucchero prima a velocità moderata.
  • Le fave di cacao sono composte in gran parte da grasso. Se necessario, a mixer spento, con un mestolo di legno spingete la massa verso il basso.
  • Il cacao verrà macinato finemente e successivamente fuoriuscirà il grasso (ca. dopo 5 minuti).
  • Aggiungete soltanto ora (facoltativo) il burro di cacao.
  • Macinate la massa a velocità alta finché risulterà liquida.
  • Attenzione però a non surriscaldare il composto (oltre i 65°). Meglio se spegnete il mixer di tanto in tanto.

Durata ca. 10 minuti.

Consiglio: provate la massa durante il procedimento di macinazione e se desiderato aggiungetevi altro zucchero. Se il composto risulta troppo granulare, continuate a macinare.

Lo stampo

La cioccolata risulterà ora liquida e calda. Versatela quindi direttamente nello stampo. Se non avete degli stampi, potete versare la cioccolata liquida anche nella carta di alluminio piegata a rettangolo senza dimenticare i bordi. Dopo essersi raffreddata, la cioccolata può essere conservata nel frigorifero per ca. 2 settimane, chiusa in un contenitore.

Non sono posti limiti alla creatività

Potete aggiungere noci, spezie o latte in polvere alla vostra cioccolata. Conviene però esperimentare queste nuove creazioni in piccole dosi.

Cioccolata calda

Ingredienti: una manciata di fave di cacao. I primi due passi sono identici come per la preparazione della cioccolata. Pestate le fave di cioccolato in un mortaio. Macinatele fino a ottenere un composto granulare cremoso. A seconda del gusto aggiungete zucchero e spezie e incorporateli nel composto. Versatevi sopra dell’acqua o del latte caldo e mescolate per bene.

Panoramica dei premi della cassa malati 2021

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Cambiare alimentazione
Impari a nutrirsi in modo vario, equilibrato e ricco di sostanze vitali.
All’offerta
Conto della salute
Diamo il nostro sostegno per farla rimanere in buona salute e partecipiamo ai costi della consulenza nutrizionale.
Maggiori informazioni
Ipertensione
Cosa fare? Chiariamo le sue domande e la aiutiamo offrendo consulenza gratuita.
Registrarsi adesso