Sciroppo di rafano

Materiale richiesto

1 rafano nero

Zucchero, zucchero candito o miele

1 bicchiere

1 bottiglia con tappo avvitabile

Consiglio per la preparazione

L’assunzione di 2-3 cucchiaini al giorno ha un effetto benefico sulla tosse.

Preparazione

Tagliare l'estremità superiore del rafano, svuotarlo e incidere un buco nella punta.

Tagliare le parti scavate in piccoli pezzi e mescolarli all’incirca con la stessa quantità di miele, zucchero o zucchero candito.

In seguito, riempire il rafano svuotato con la miscela di zucchero e rafano. Non vi entrerà tutto, quindi conservare il resto in un contenitore.

Ora è possibile infilare il rafano con la punta verso il basso in un bicchiere e attendere. Dopo qualche tempo, le prime gocce di sciroppo goccioleranno dalla punta.

All’occasione, riempire il rafano con il resto della miscela depositata nel recipiente, fare sgocciolare il tutto durante la notte e riempire una bottiglia con lo sciroppo ricavato.

Controindicazioni

Lo sciroppo al rafano è controindicato nel caso di ulcere dell’apparato gastrointestinale e nei bambini sotto i 4 anni.

Una dose eccessiva di sciroppo al rafano può causare dei disturbi gastrointestinali.

Effetto

Proprietà ed effetti dello sciroppo di rafano:

  • antinfiammatorio
  • favorisce l’irrorazione sanguigna
  • fluidifica il muco
  • antispasmodico
  • stimola il metabolismo

Aiuta contro

Tosse, raffreddore, bronchite

Sinonimi

Sciroppo di rafano, rafano nero

Panoramica dei premi 2022

Calcolare il premio

Esclusione della responsabilità

La CSS non assume alcuna re­spons­abilità per quanto concerne l'esattezza e la completezza delle indicazioni. I dati pubblicati non sostituiscono in alcun modo il consiglio competente di medico e farmacista.

CSS Assicurazione – il suo partner per la salute

Essere in buona salute, guarire, convivere con la malattia: la CSS Assicurazione la accompagna come partner per la salute lungo il suo percorso personale.

Ben assistiti