Epilessia

L'epilessia descrive la tendenza nelle persone ad avere attacchi epilettici.

Sommario

L'epilessia descrive la tendenza nelle persone ad avere attacchi epilettici. La patologia spesso si manifesta con disturbi percettivi, crampi muscolari e, dopo l’attacco, con uno stato di confusione mentale. Tuttavia, è possibile che vi siano degli attacchi meno forti. La causa non è sempre chiara, e talvolta è riconducibile a una patologia sottostante.

Sintomi

Sintomi principali

  • A seconda delle aree cerebrali colpite, i sintomi di un attacco epilettico insorgono in maniera diversa

Se l’area cerebrale colpita è estesa, si possono manifestare:

  • Disturbi della vista, disturbi del linguaggio o disturbi motori quali segni precursori
  • Disturbi percettivi
  • Contrazioni muscolari ritmiche o a scatto
  • Improvvisa tensione dei muscoli/irrigidimento o perdita della forza muscolare
  • Sonno breve e confusione mentale dopo avere subito un attacco

Se la parte cerebrale colpita è circoscritta, i sintomi generalmente sono meno evidenti e possono ad es. manifestarsi i seguenti fenomeni:

  • Mangiare e masticare rumorosamente
  • Esecuzione di movimenti complessi
  • Allucinazioni

Cause e trattamento

Cause

Un attacco epilettico è dovuto a un’improvvisa iperattività di alcune cellule nervose cerebrali. Il motivo per cui determinate persone tendono ad avere attacchi epilettici è per lo più sconosciuto. Possibili rare cause sono:

  • Fattori genetici (familiarità)
  • Emorragia cerebrale, trombosi venosa cerebrale
  • Encefalite, ascesso cerebrale
  • Lesione cerebrale, malformazione cerebrale
  • Tumore al cervello

Sebbene gli attacchi epilettici possano insorgere dal nulla, vi sono comunque dei fattori scatenanti concreti:

  • Astinenza da alcol, astinenza da farmaci
  • Stupefacenti, farmaci
  • Febbre (causa più comune nei bambini)
  • Disturbo dell’equilibrio salino del sangue
  • Insonnia

Procedura ulteriore nello studio medico / in ospedale

Possibili controlli
  • EEG (elettroencefalogramma)
  • RMT (risonanza magnetica tomografica)
  • Analisi del sangue
  • Analisi del liquido cerebro spinale
Possibili terapie
  • Se possibile, rimozione della causa
  • Farmaci
  • Intervento chirurgico (in casi particolari)

Cosa posso fare da solo?

  • Posizionare la persona colpita dall’attacco in modo che non si faccia male durante le convulsioni (il posto più sicuro è il pavimento)
  • Allontanare dalla portata gli oggetti duri, appuntiti o taglienti perché costituiscono un pericolo
  • Nel caso di vomito posizionare il busto da un lato per fare fuoriuscire dalla bocca il contenuto gastrico risalito

Quando andare dal medico?

  • Dopo che si è verificato il primo attacco epilettico
  • Se un attacco con convulsioni dura più di 5 minuti o ricompare a intervalli brevi ci si trova di fronte a un’emergenza

Ulteriori informazioni

Lega Svizzera contro l’Epilessia
www.epi.ch/it/

Premi della cassa malati a colpo d’occhio

Calcolare il premio

Esclusione della responsabilità

La CSS non assume alcuna re­spons­abilità per quanto concerne l'esattezza e la completezza delle indicazioni. I dati pubblicati non sostituiscono in alcun modo il consiglio competente di medico e farmacista.

CSS Assicurazione – il suo partner per la salute

Essere in buona salute, guarire, convivere con la malattia: la CSS Assicurazione la accompagna come partner per la salute lungo il suo percorso personale.

Ben assistiti