Inalare cortisone – quali effetti collaterali ha la cura dell’asma?

Inalare cortisone: il trattamento dell’asma è nocivo? Inalare cortisone: il trattamento dell’asma è nocivo?

Il cortisone ha una nomea piuttosto brutta. Tuttavia, per chi soffre di asma il rischio di effetti collaterali è minimo, poiché il medicamento viene inalato in dosi limitate e non interessa la circolazione del sangue.

Utilizzo del cortisone in caso di asma

L’asma è un’infiammazione delle vie respiratorie. Per poterla gestire ed evitare attacchi acuti, chi soffre di asma inala cortisone. Vari studi hanno mostrato come l’utilizzo regolare del cortisone riduca gli attacchi notturni e la necessità di ospedalizzazioni, oltre a permettere il controllo dei sintomi dell’asma e a migliorare le funzioni polmonari. Il cortisone agisce in modo mirato nelle mucose dei bronchi, dove combatte l’infiammazione. Se si usa correttamente lo spray, il rischio di effetti collaterali è minimo, poiché il cortisone inalato interessa solo la parte del corpo a cui occorre, vale a dire le vie respiratorie. A differenza di quanto accade assumendo il prodotto in pastiglie, il resto dell’organismo è a malapena interessato.

Inoltre, oggigiorno i dosaggi degli spray al cortisone sono minori rispetto al passato e dunque è più basso il rischio di effetti collaterali. 

Attenzione al fungo “candida albicans” nel condotto orale e nella gola

Inalando il cortisone, gli effetti collaterali sono minimi. I rischi maggiori sono rappresentati dal fungo “candida albicans” che può attecchire nella bocca o nel condotto orale, oppure dalla raucedine. Però, con qualche accorgimento li si può evitare:

  • Usate lo spray solo con la camera a espansione. In questo modo, gran parte del cortisone rimane nella maschera e non nel condotto orale.
  • Dopo le inalazioni, lavate i denti, sciacquate la bocca o mangiate/bevete qualcosa. Pertanto è pratico inalare prima di colazione o di cena.
  • I bambini che hanno meno di 3 anni usano spesso una maschera per le inalazioni. Fate attenzione che gli occhi del bambino non siano sotto la maschera e alla fine pulite il viso del piccolo con un asciugamano o uno straccio umidi.
Frau relaxt auf ihrem Balkon
Consulenza

Soffre di asma?

Le offriamo una consulenza completa relativa all'asma e l'aiutiamo a respirare a pieni polmoni.

Offerta

Il cortisone in compresse presenta un maggiore rischio di effetti collaterali. Le compresse hanno una dose maggiore di sostanza attiva. Pertanto, vengono prescritte per tre-cinque giorni e solo se l’asma è difficilmente controllabile o nel caso di un improvviso peggioramento. In queste situazioni, le vie respiratorie della persona colpita sono così ristrette da non poter inalare il medicamento, perciò lo si può assumere solo mediante le compresse. Queste forti assunzioni di steroidi non sono pericolose se ci si limita a un massimo di quattro-cinque volte al giorno.

Panoramica dei premi 2021

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Recarsi dal medico sì o no?
La guida medica myGuide verifica i suoi sintomi di malattia e rilascia un consiglio.
Avviare myGuide
Trovi l’ospedale migliore
Il confronto fra ospedali della CSS aiuta nella scelta. 
Avviare QualiCheck
L’operazione è necessaria?
Si procuri una seconda opinione gratuita, facilmente e celermente.
Verificare adesso