Alimenti fermentati: ecco perché sono sani

Alimenti fermentati: i nostri preferiti Alimenti fermentati: i nostri preferiti

Gli alimenti fermentati, come kefir, kombucha, kimchi, crauti & co., sono più di un “food trend”: gli esperti riconoscono il loro effetto positivo sul benessere dell’intestino e sulla flora batterica intestinale.

Conservare gli alimenti

Il principio della fermentazione è in uso già da secoli per conservare gli alimenti. Fermentando in assenza di ossigeno, gli alimenti producono culture di batteri vivi, i cosiddetti probiotici, che sono attivi in gran numero negli alimenti fermentati. Essi contribuiscono a una flora intestinale sana e dunque rafforzano il sistema immunitario. Molti alimenti fermentati sono particolarmente utili all’intestino e poveri di zuccheri e calorie.

Flora intestinale

La flora intestinale è composta da bilioni di batteri, virus e funghi, i cosiddetti microrganismi. Il microbioma di ogni persona è unico. Si differenzia dagli altri a seconda dell’alimentazione, dell’ambiente circostante e dello stile di vita.

La flora intestinale è un ecosistema di batteri complesso e dinamico situato nel tratto digerente.

L’intestino aiuta nella digestione, assorbe le sostanze nutritive e ricopre un ruolo importante per la difesa immunitaria: questo è certo. Però, l’influsso della flora intestinale non si limita certo a questo. Oggigiorno i ricercatori hanno verificato un collegamento fra lo squilibrio nella flora intestinale e disturbi della salute come diabete, tumori, sovrappeso, malattie cardiocircolatorie, depressione, demenza e patologie intestinali croniche infiammatorie. La flora intestinale influirebbe persino sugli attacchi di fame, sull’equilibrio ormonale e sull’umore. 

Tutti gli alimenti fermentati sono particolarmente sani?

Produzione, elaborazione e conservazione influiscono sul contenuto probiotico di un alimento. Non è chiaro se i microrganismi riescono a sopportare il viaggio fino all’intestino e a insediarsi in esso: a tale proposito vi sono vari studi dai risultati discordanti.

Comunque, vale la pena di integrare gli alimenti fermentati nella propria dieta. Forniscono vitamine e altre sostanze nutritive utili, e sono anche facili da digerire. Però, bisogna fare attenzione: ci sono alcuni alimenti fermentati che contengono molti zuccheri, grassi saturi o alcol. Per questi ultimi vale la regola di un consumo moderato. 

I prebiotici e i probiotici sono due cose diverse, ma entrambi supportano la flora batterica intestinale

Cibi ricchi di fibre, come verdura, frutta e cereali integrali, contengono i cosiddetti prebiotici, che sono composti da determinate fibre e zuccheri che raggiungono non digeriti l’intestino crasso. Qui stimolano la crescita di microrgansimi, importanti soprattutto per un buon funzionamento della flora intestinale. I microrganismi da soli non bastano, però: una sufficiente quantità di attività fisica, il sonno e una buona gestione dello stress sono altrettanto importanti al fine di avere una flora batterica intestinale intatta. 


Fonti

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Consulenza nutrizionale
Con l’aiuto di specialisti può modificare le sue abitudini alimentari a lungo termine.
All'offerta
Coach della salute
Si faccia consigliare personalmente su tematiche riguardanti la salute.
Scoprire il servizio
Verificare i sintomi
Ricevere un consiglio, concordare un appuntamento dal medico e molto altro ancora.
Scoprire l'app Well