Guida al digiuno: le 4 fasi del digiuno

683742075 683742075

Oltre al digiuno stesso, anche i giorni di preparazione e il periodo di ritorno all'alimentazione contri­bui­scono alla buona riuscita di un digiuno terapeutico. Infatti, dopo il digiuno la tentazione di abbuffarsi è forte. Chi si attiene alle quattro fasi del digiuno avrà meno difficoltà.

Giorni di preparazione

Digiunare provoca stress fisico e mentale. È quindi importante preparare il corpo alla rinuncia di cibo con un giorno di scarico – a seconda della durata della cura anche con più giorni. Si inizia quindi con la versione light del digiuno.

«Digiuno light»

Durante il giorno di preparazione si prevede un menu composto da alimenti facilmente digeribili e ricchi di fibre, come verdure, riso, patate, frutta e yogurt naturale. I pasti ricchi di calorie e di grassi come la carne e il pesce sono ancora permessi, ma soltanto in piccole quantità. Già adesso conviene rinunciare completamente agli alimenti salati, ai dolci, agli alcolici, alla nicotina e al caffè. Nel periodo di preparazione è inoltre importante bere 3-4 litri di acqua o di tè non zuccherato.

Evacuazione intestinale

Molti preferiscono un’evacuazione in­te­sti­nale prima di iniziare perché facilita il digiuno. Infatti, un effetto collaterale di un apparato digerente vuoto è una minore sensazione di fame. Lassatvi popolari sono per esempio il sale di Glauber o il classico clistere.

Digiuno: rinuncia al cibo solido

La rinuncia al cibo solido provoca vari processi nel nostro corpo. Poiché il corpo necessita di meno energia per la digestione, ne rimane di più per l’eli­mi­na­zione delle scorie e per il sistema di riciclaggio delle cellule. Questa pro­ce­du­ra, chiamata «autofagia», inizia senza cibo solido dopo 14-16 ore ed è uno dei processi più importanti nel nostro corpo per pulire e disintossicare le cellule. Per questa «tortura» il corpo ricava ulteriore energia dallo zucchero. Quando questo non è più disponibile, passa ai cuscinetti di grasso.

Per continuare a essere rifornito di sufficienti sostanze nutritive, durante il periodo di digiuno il corpo necessita di molto liquidi. Le bevande adatte sono l’acqua, i succhi di frutta e di verdura o le tisane alla frutta.

Interruzione del digiuno: ritorno alla normalità

Il periodo di rinuncia è passato. Adesso con «l’interruzione del digiuno» si riporta il corpo con cautela allo stato della normalità. La funzione digestiva deve di nuovo essere messa in moto e i succhi gastrici devono nuovamente essere prodotti. Di regola questo processo dura 3-4 giorni. Come primo apporto di cibo si presta molto bene una mela. Im­por­tan­te: masticare bene e soprattutto mangiare lentamente. Per l’ulteriore periodo di transizione è molto indicato un pasto leggero, povero di grassi consumato in piccole porzioni. Le calorie dovrebbero essere aumentate man mano, per evitare l'effetto yo-yo. Quando si torna alla normalità dopo il digiuno, conviene naturalmente continuare ad alimentarsi in modo consapevole e sano.

L'alternativa dolce: il digiuno a intervalli

Per chi non desidera rinunciare completamente al cibo o desidera semplificare l’inizio del processo, c’è un’alternativa soft: il digiuno a intervalli. In questo metodo è determinante il momento in cui si mangia. Il vantaggio: il digiuno a intermittenza è naturale per il nostro corpo.

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Cambiare alimentazione
Impari a nutrirsi in modo vario, equilibrato e ricco di sostanze vitali.
All’offerta
Fino a CHF 500
Il Conto della salute sovvenziona attività per l'alimentazione.
Ecco come funziona
Ipertensione
Cosa fare? Chiariamo le sue domande e la aiutiamo offrendo consulenza gratuita.
Registrarsi adesso