Neurodermite nei bebè: ciò che aiuta di più

1178839074

Prurito insistente, pelle grattata e notti insonni: per bebè e bambini piccoli la neurodermite è molto fastidiosa. Ecco come i genitori possono lenirne gli effetti e distrarre i piccoli.

Cos’è la neurodermite?

La neurodermite è una malattia cutanea cronica infiammatoria e recidivante. È nota anche come anche eczema atopico o dermatite atopica. Atopico significa che le persone colpite hanno la predisposizione genetica a una reazione ipersensibile agli influssi esterni.

Quanto è comune la neurodermite nei neonati e nei bambini?

La neurodermite è la più comune malattia cronica della pelle nei bebè e nei bambini. Nell'85% dei casi, la neurodermite sorge durante i primi cinque anni di vita e diminuisce con l'età. All'inizio dell'età adulta, circa il 60% delle persone colpite sono prive di sintomi. Ciò che spesso rimane è una pelle secca e sensibile. È possibile anche una maggiore suscettibilità alle allergie, come il raffreddore da fieno.

Quali sono le cause della neurodermite?

Le cause sono molteplici. La predisposizione genetica gioca un ruolo importante, così come i fattori ambientali e l'infiammazione della pelle. Nella neurodermite la barriera cutanea è alterata, rendendola permeabile agli allergeni, ai microbi e ad altre sostanze irritanti come le sostanze chimiche. Le allergie a determinati alimenti (latte, uova, arachidi), al polline o agli acari della polvere domestica possono avere un'ulteriore influenza negativa sulle condizioni della pelle. Anche lo stress negativo o positivo, il clima freddo-umido o la lana ruvida possono provocare eczemi.

 

Quali sono i sintomi della neurodermite?

Con la neurodermite la condizione della pelle cambia costantemente. I seguenti sintomi possono manifestarsi singolarmente o insieme:

  • pelle secca, sensibile, squamosa
  • arrossamenti
  • secrezione di materiale purulento
  • croste e noduli
  • pelle ruvida con rilievo ingrossato

Molto fastidioso e stressante per i bambini è il forte prurito, che spesso li priva del sonno. Graffi frequenti possono peggiorare i sintomi.  Ciò è dovuto anche al fatto che la pelle colpita viene poi colonizzata da altri batteri.

A seconda dell'età del bambino, l'eczema appare nelle tipiche parti del corpo: Il viso, la parte superiore del corpo, le mani, le braccia e le gambe dei bebè sono i più colpiti. In questi ultimi la neurodermite si manifesta sul dorso delle ginocchia e dei gomiti, sul viso, sul collo e sulla nuca.

Come si può diagnosticare la neurodermite nei bambini?

Non esiste un test di laboratorio speciale. Un dermatologo stila la diagnosi sulla base dei sintomi descritti. Una discussione dettagliata con i genitori è importante. Le loro osservazioni sono informative e aiutano ad escludere altre malattie con sintomi simili, come p. es. la psoriasi.

Cosa si può fare contro la neurodermite?

Finora non c’è una terapia delle cause. Però, con una cura di base la pelle malata può essere trattata bene. È importante detergere delicatamente la pelle e trattarla con lozioni, creme o unguenti idratanti almeno una volta al giorno. I prodotti per la cura della pelle non devono contenere sostanze potenzialmente irritanti come i profumi. Oltre a ciò è raccomandato:

  • in inverno utilizzare piuttosto un prodotto per la cura della pelle grassa.
  • in estate, tuttavia, utilizzare un prodotto con un contenuto di umidità più elevato.
Una buona cura di base previene anche il prurito.
Bettina Ravazzolo di aha! Centro Allergie Svizzera

Se la condizione dovesse tuttavia peggiorare, è necessaria una terapia antinfiammatoria prescritta dal medico, per esempio con cortisone o immunomodulatori.

Neurodermitis-Schulung für Kinder und Eltern
Neurodermite

Prurito nei bambini

Aiutiamo suo figlio a convivere meglio con la neurodermite e diamo consigli.

Offerta

Consigli e rimedi casalinghi contro il prurito acuto

Se comunque il prurito si fa sentire, i seguenti consigli e rimedi casalinghi possono essere d'aiuto:

  • optare per un abbigliamento leggero, fatto di materiali morbidi e traspiranti.
  • capovolgere i capi con contatto diretto con la pelle in modo che le cuciture siano all'esterno.
  • utilizzare una piccola quantità di aceto al posto dell'ammorbidente.
  • evitare l'accumulo di calore e la sudorazione, il sudore è un ulteriore irritante per la pelle.
  • tagliare e limare le unghie dei bambini e mettere loro dei guanti di cotone per farli addormentare.
  • prodotti curativi raffreddati e idratanti forniscono un ulteriore sollievo dal prurito
  • applicare impacchi o bendaggi con unguenti. 
  • invece di grattarsi: coprire con impasti, battere e accarezzare punti che prudono.
  • distrarre il bambino con giochi interessanti, tenergli le mani occupate.

L'allattamento al seno ha un effetto preventivo?

Le cause non sono ancora del tutto chiarite. «Ci sono prove che l'allattamento al seno può ridurre il rischio di eczema atopico», afferma Bettina Ravazzolo. Questo sembra essere il caso soprattutto nei bambini i cui genitori o fratelli maggiori hanno avuto neurodermite o allergie. Si raccomanda di allattare al seno per almeno quattro mesi.

 

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Assistenza medica 24 ore su 24
Giorno e notte consulenza gratuita – anche quando si trova all’estero. 
Scoprire il servizio
Famiglia sana
Sosteniamo attività che fanno sì che la sua famiglia rimanga in buona salute.
Maggiori informazioni
Soffre di asma?
Le offriamo una consulenza completa relativa all'asma e l'aiutiamo a respirare a pieni polmoni.
All'offerta