Proteine vegetali: 8 squisite fonti

1190944472 1190944472

Legumi, noci o cereali: chi è alla ricerca di fonti di proteine vegetali può scegliere fra numerosi alimenti.

Proteine vegane

Le proteine, oltre ai carboidrati e ai grassi, fanno parte del trio dei principali fornitori di nutrienti. Il corpo necessita ogni giorno di proteine che gli devono essere fornite con il cibo.

Nella nostra società non vi è carenza di proteine. Per la maggior parte delle persone, la quantità quotidiana assunta è addirittura superiore al valore di riferimento. Anche chi si nutre in maniera vegana di regola assume sufficienti proteine. Se combinate in modo intelligente, le proteine vegane possono essere assimilate meglio dal nostro corpo. Costituiscono per esempio una buona squadra i legumi accompagnati da cereali, mais e riso.

8 squisite fonti

Fagioli di soia

pflanzliche-proteine-sojabohnen.jpg

Probabilmente continua a essere la fonte più popolare di proteine vegetali. Chi dice soia pensa automaticamente al tofu. Sono sempre più apprezzati gli edamame, i fagioli di soia verdi: basta sbollentarli, salarli leggermente e mangiarli come spuntino direttamente dal baccello.

Lupini

pflanzliche-proteine-lupinen.jpg

Non sono soltanto intesi i decorativi fiori al bordo del sentiero, bensì anche i semi commestibili del lupino dolce, che costituiscono la base di prodotti più svariati, come la farina, le creme da spalmare sul pane e l’alternativa al caffè. I lupini sono una variante apprezzata della soia.

Lenticchie

pflanzliche-proteine-linsen.jpg

Verdi, marroni, gialle o rosse: le lenticchie sono un multitalento in cucina e squisite sia come zuppa, curry o in insalata. I buongustai apprezzano le piccole lenticchie nere beluga anche chiamate caviale vegetale.

Ceci

pflanzliche-proteine-kichererbsen.jpg

Ricchi di proteine sono conosciuti per il loro elevato potere saziante. In zuppa o in insalata, questo legume dal colore giallo-beige può essere un po’ insipido e farinoso. Sono però imbattibili come purea per l’hummus o il falafel.

Semi di zucca

pflanzliche-proteine-kuerbiskerne.jpg

Proteine da sgranocchiare. I semi sono gustosi nelle insalate, nelle minestre (di zucca), nei muesli ma anche nel pane da infornare o come spuntino.

Noci

pflanzliche-proteine-nuesse.jpg

Soprattutto le noci, le nocciole e i semi di canapa sono un’eccellente fonte di proteina vegana. Lo sono anche gli anacardi o le mandorle che in senso stretto non fanno parte delle noci e che conviene consumare senza sale.

Amaranto e quinoa

pflanzliche-proteine-quinoa.jpg

Hanno l'aspetto dei cereali e vengono usati come tali, ma appartengono a un’altra famiglia botanica, motivo per cui si parla di pseudocereali; sono adatti alle persone con intolleranza al glutine. Chi è alla ricerca di un’alternativa indigena potrà usare il grano saraceno.

Fiocchi d’avena

pflanzliche-proteine-hafer.jpg

Oggigiorno viene venduto come superfood indigeno e rappresenta una buona fonte di proteina vegetale. I fiocchi d’avena sono un ingrediente apprezzato per gli overnights oats, ovvero le “pappe” per la colazione messe in ammollo la sera prima, o per il porridge cotto.


Fonti:

Panoramica dei premi della cassa malati 2021

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Cambiare alimentazione
Impari a nutrirsi in modo vario, equilibrato e ricco di sostanze vitali.
All’offerta
Conto della salute
Diamo il nostro sostegno per farla rimanere in buona salute e partecipiamo ai costi della consulenza nutrizionale.
Maggiori informazioni
Ipertensione
Cosa fare? Chiariamo le sue domande e la aiutiamo offrendo consulenza gratuita.
Registrarsi adesso