Guarire l’artrosi alle ginocchia: cosa aiuta davvero?

Artrosi alle ginocchia: come guarire Artrosi alle ginocchia: come guarire

Oltre ad anche e caviglie, il ginocchio è l’articolazione più colpita da artrosi. Se si osservano le immagini a risonanza magnetica, il 50% delle persone sopra i 65 anni soffre di artrosi alle ginocchia. Tuttavia “solo” il 30% presenta dolori costanti. L’artrosi alle ginocchia è quindi una malattia molto comune.

Dolori al ginocchio: come posso alleviarli da solo/a?

1. Movimento

anche se ci vuole un po’ di forza di volontà, il movimento allevia in molti casi i dolori, porta nel ginocchio il liquido sinoviale, rifornendolo di sostanze nutritive. La disciplina sportiva più adatta dipende sensibilmente dalla persona. Se i dolori sono molto forti, è ad esempio consigliato fare attività in acqua (crawl, aquafit o aquacycling). Il motto è: muoversi ma non caricare troppo. Al di fuori dell’acqua sono perciò ideali soprattutto sport di resistenza come passeggiate, escursioni, bicicletta e sci di fondo.

2. Caldo, in caso di infiammazioni anche freddo

3. Massaggio

4. Se non si può farne a meno: antidolorifici

5. Medicina complementare

Esistono centinaia di rimedi che promettono di alleviare o perfino guarire l’artrosi. Con l’infinito numero di rimedi vegetali esistenti, è difficile valutare quanto siano davvero efficaci. Tuttavia, emerge che i rimedi più amati a base di artiglio del diavolo, arnica, sinfito e corteccia di salice aiutano contro i dolori. Anche la medicina tradizionale cinese è un trattamento possibile per alleviare i dolori acuti.

Terapia per l’artrosi alle ginocchia

A lungo termine è importante una terapia su misura.

  • Terapia del movimento
    • stabilizzazione delle ginocchia
    • correzione di posizioni sbagliate o squilibri muscolari nella fisioterapia
    • mobilizzazione e rilassamento: spesso anche le tensioni causano dolori.
  • Ridurre il tessuto adiposo perché produce agenti infiammatori, le cosiddette citochine, che finiscono nella cartilagine tramite il metabolismo.
  • Trattamento farmacologico (antidolorifico, FANS, cortisone, condroitina, acido ialuronico)
  • Ausili ortopedici
  • Operazione

Prevenire l’artrosi alle ginocchia

Vi sono studi che mostrano che spesso i muscoli sono già indeboliti prima dell’insorgenza dei primi sintomi di artrosi. Sebbene la debolezza muscolare non sia l’unica causa, è certo che le articolazioni sono più sollecitate se la muscolatura è debole. Il movimento è quindi una misura importante per rafforzare i muscoli e prevenire l’artrosi. Tuttavia, non rappresenta una protezione affidabile contro l’artrosi e non è nemmeno l’unica misura importante per la prevenzione.

  • Movimento: non è importante soltanto in terapia, ma anche per prevenire l’artrosi. A questo scopo, secondo una ricerca, anche andare in bicicletta fa bene.
  • Ridurre il sovrappeso
  • Correggere le posizioni scorrette
  • Smettere di fumare
  • Alimentazione equilibrata
Esiste una chiara e positiva correlazione tra sovrappeso e l’insorgenza di un’artrosi alle ginocchia.

Definizione artrosi

In realtà la cartilagine articolare è presente per mantenere elastiche le articolazioni e per proteggerle. In caso di artrosi viene eroso il sottile strato di cartilagine che riveste le ossa della parte superiore e inferiore della gamba. Ciò provoca lo sfregamento tra le ossa.

Cause dell’artrosi

L’artrosi non è un problema puramente meccanico, sebbene questa idea sia molto diffusa. Non è causata solo da sovraccarichi o da sollecitazioni sbagliate. Secondo Thomas Pap, professore all’Università di Münster, anche la predisposizione genetica, le infiammazioni nel corpo e lo stress hanno un ruolo altrettanto importante. Non serve quindi a niente solo salvaguardare le articolazioni. Secondo il professore Pap, succede come per il cervello: non ci ammaliamo di demenza se riflettiamo maggiormente.

Di regola, l’usura non è quindi l’unico fattore che causa l’artrosi. Questa malattia è perlopiù una combinazione di più cause:

  • posizioni scorrette
  • sovraccarico
  • predisposizione genetica
  • malattie infiammatorie
  • movimento insufficiente

Sintomi dell’artrosi

L’artrosi si presenta in modo diverso a seconda dello stadio. I tipici segni sono:

  • dolori sordi o pungenti
  • dolore al mattino con i primi movimenti
  • dolore da affaticamento, ad esempio se si sta a lungo in piedi
  • dolore da carico o continuo nello stadio avanzato
  • mobilità limitata

Guarire l’artrosi: è possibile?

Nella letteratura specialista l’artrosi è considerata inguaribile. Perciò non si parla di guarirla, ma di curarla. Con una buona combinazione terapeutica su misura, alcune persone colpite riescono a gestire così bene i dolori e le limitazioni da non sentire quasi alcun disturbo. Tuttavia, i dolori variano molto da persona a persona. Ci sono persone che soffrono di artrosi a uno stadio avanzato e non sentono mai niente. Altre invece hanno dolori già in caso di artrosi lieve. L’artrosi non ha nemmeno un decorso netto, bensì spesso intermittente ed è quindi in parte difficile da trattare.

Alimentazione in caso di artrosi

Purtroppo non è possibile eliminare i disturbi dell’artrosi tramite l’alimentazione. Tuttavia, quest’ultima è estremamente importante: da un lato perché ogni chilo di troppo significa un carico maggiore per le articolazioni, dall’altro anche perché il tessuto adiposo è molto attivo e contribuisce al processo d’infiammazione. Un’elevata massa grassa nel corpo fa quindi aumentare l’infiammazione. Nell’articolo Alimentazione per chi soffre di artrosi potete scoprire quali alimenti sono particolarmente indicati.

Fonti

Panoramica dei premi della cassa malati 2021

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Recarsi dal medico sì o no?
La guida medica myGuide verifica i suoi sintomi di malattia e rilascia un consiglio.
Avviare myGuide
Trovi l’ospedale migliore
Il confronto fra ospedali della CSS aiuta nella scelta. 
Avviare QualiCheck
L’operazione è necessaria?
Si procuri una seconda opinione gratuita, facilmente e celermente.
Verificare adesso