Rosa canina: ecco come agisce il superfrutto locale

909597538 909597538

La rosa canina, di un rosso lucente, è assieme all’olivello spinoso il maggior fornitore autoctono di vitamina C. Principalmente nota come tè fruttato-fresco, la rosa canina è tuttavia utilizzabile in vari modi, il che è un’ottima cosa, poiché la sua stagione è l’autunno, quando da noi il tempo è freddo e umido.

6 superpoteri

  • Ha effetto antiossidante e antinfiammatorio
  • Rafforza il sistema immunitario
  • Fornisce energia
  • Regola la digestione
  • È disintossicante, leggermente diuretica
  • Aiuta in caso di problemi della pelle

Dal punto di vista botanico, la rosa canina non fa parte delle bacche, ma della frutta a guscio. Nel frutto, infatti, ci sono piccoli semi luminosi, le noccioline. Queste non si possono mangiare, in quanto hanno setole più o meno dure che graffiano e bruciano nella gola. Chi vuole trasformare i frutti dovrebbe prima tagliarli e togliere la peluria.

Raccolta fino all’inverno

Le rose canine crescono da rose selvatiche nel bosco. Si trovano i piccoli frutti rossi, ad esempio, sui bordi dei sentieri.

Poiché i frutti iniziano a maturare solo in estate, possono essere raccolti in settembre e ottobre.

Se premendoli leggermente con il dito risultano morbidi, allora sono maturi. Possono essere raccolti anche dopo il primo gelo, che li rende perfino più dolci.

Effeto

Migliora il sistema immunitario e fornisce energia

L’elevato contenuto di vitamina C della rosa canina è così prezioso poiché migliora l’assorbimento del ferro. Questa combinazione fa della rosa canina un importante fornitore di ferro. Il ferro è importante per l’ossigenazione degli organi e la produzione di globuli rossi.

Tabella nutrizionale

Sostanze nutritive per 100 g (% del fabbisogno giornaliero) % del fabbisogno giornalier
Energia 104 kcal 4%
Proteine 3,6 g 6%
Grassi 0,6 g 1%
Carboidrati 20 g 6%
Fibre alimentari 6 g 12%
Ferro 360 µg 3%
Vitamina A 400 µg 44%
Vitamina C 1'250 mg 1'250%

La rosa canina contro l’artrosi

La vitamina C ha un effetto antiossidante, ma si ritiene che anche innumerevoli altre sostanze contenute nella rosa canina, come i cosiddetti galattolipidi, siano d’aiuto contro i dolori articolari e l’artrosi.

Aiuta in caso di problemi cutanei

La rosa canina contiene acidi linoleici e le vitamine A ed E, che svolgono un ruolo importante nella formazione e rigenerazione della pelle. L’olio di rosa canina viene utilizzato nella cura di malattie cutanee come eczema, dermatite e psoriasi, ma anche per le cicatrici.

Supporta la digestione

I frutti purpurei contengono tannini che, essiccati, regolano l’attività intestinale e aiutano a combattere la diarrea. Anche le fibre contenute, la cosiddetta pectina, supportano la flora intestinale.

Da gustare fresca o da trasformare in dolci

Chi vuole comprare rosa canina fresca deve fare qualche ricerca o avere fortuna. Perlopiù sono in commercio solo prodotti trasformati, come tisana o confettura. Chi raccoglie e trasforma la rosa canina deve prima rimuovere la peluria chiara all’interno. Per questo è meglio tagliare il frutto e rimuovere i semi con un coltello. Successivamente, la rosa canina può essere consumata fresca oppure, entro un giorno, trasformata o congelata.

Ricette

Concentrato di rosa canina

Il concentrato di rosa canina è adatto per marmellate, salse, ketchup e molti altri piatti.

Ingredienti
  • 1 kg di rosa canina
  • circa 500 ml di acqua
  • 2-3 C di zucchero
Preparazione
  1. Lavare bene le rose canine, asciugarle e tagliare via i peduncoli.
  2. Tagliare le rose canine a metà e togliere i semi e la peluria con un cucchiaino.
  3. Cuocerle a fuoco dolce per 25 minuti in una pentola insieme all’acqua aggiungendo, secondo il gusto, dello zucchero.
  4. Filtrare con un setaccio sottile e versare il concentrato in un bicchiere oppure congelarlo.

Tè freddo alla rosa canina con frutta

superfood-hagebutte-eistee.jpg
Energia calcio nel vetro: tè freddo alla rosa canina
Preparazione
  1. Cuocere l'acqua.
  2. Aggiungere il tè alla rosa canina (negozio di tè) e lasciarlo in infusione.
  3. Addolcire a piacimento con zucchero di palma o miele.
  4. Per servire aggiungere dei cubetti di ghiaccio e delle fette di arancia, limoni, ecc.

Fonti:

Ben assistiti con la CSS

Cambiare alimentari
Impari a nutrirsi in modo vario, equilibrato e ricco di sostanze vitali.
All'offerta
In salute con i rimedi casalinghi
Zenzero, camomilla & co. sono un’alternativa alle pastiglie.
Scoprire adesso
Acquistare a prezzo più conveniente
Approfitti di ribassi speciali su prodotti per la salute.
Scoprire enjoy365