Mancanza di sonno: questi sono gli effetti

1290106367 1290106367

Numerosi studi confermano che la mancanza di sonno può avere effetti disastrosi. Tuttavia, è bene non minimizzare né esasperare gli effetti.

La capacità reattiva è compromessa come sotto l’influsso di alcol

Ci siamo passati tutti: se la notte è stata breve, il giorno dopo siamo stanchi e poco concentrati. Quando poi la mancanza di sonno si protrae nel tempo, il nostro corpo non tarda a presentarci il conto.

L’influenza della mancanza di sonno sulla nostra capacità reattiva è simile agli effetti provocati dall’alcol. Dopo 24 ore di privazione dal sonno, i soggetti di un test evidenziavano, in media, la capacità reattiva di una persona con un tasso alcolemico pari all’uno per mille. Ma ci sono anche delle eccezioni: le persone poco sensibili alla mancanza di sonno le cui capacità rimangono pressoché intatte.

Effetti della mancanza di sonno sulla psiche

Oltre a influire sul comportamento reattivo e decisionale, dormire poco incide in vari modi anche sulla psiche: la nostra capacità mne­mo­ni­ca si riduce, siamo facilmente suscettibili e deconcentrati. Le depressioni sono altresì strettamente correlate alla mancanza di sonno, ovvero: la mancanza di sonno può scatenare degli stati d’animo depressivi. Dal canto suo, chi soffre di depressione spesso dorme male – un circolo vizioso.

È possibile recuperare la mancanza di sonno nel fine settimana?

Molti esperti consigliano un ritmo sonno-veglia regolare, in particolare quando ci si alza; è dunque sbagliato pensare di poter compensare la mancanza di sonno dormendo di più nel fine settimana. Anche uno studio attuale e molto citato non aggiunge nulla di più. Conclude che chi compensa il sonno mancante durante il fine settimana, se non altro, non muore prema­tu­ra­men­te. Il test non rileva tuttavia il livello quotidiano di concentrazione e prestazione dei soggetti del test. Rimane dunque valido l’assunto: dormire poco per lungo tempo non è sano e non può essere in qualche modo compensato.

La mancanza di sonno può scatenare degli stati d’animo depressivi. Dal canto suo, chi soffre di depressione spesso dorme male – un circolo vizioso.

La mancanza di sonno influisce sull’attività dei geni

Molti non sanno che i nostri geni lavorano lungo l’arco di tutta una vita. Il corpo dipende proprio da questo lavoro, la cosiddetta espressione dei geni che, tra l’altro, ha la funzione di rigenerare le cellule. Secondo un gruppo di ricerca dell’Università di Surrey, il sonno inciderebbe anche sull’espressione dei geni.

Quest’ultima è infatti risultata alterata nei soggetti del test che dormivano per più di una settimana poco meno di sei ore a notte, uno stato che si ripercuote sul rilascio ormonale giornaliero scom­pen­san­do il ritmo circadiano, il nostro «orologio interno». Pertanto, si ritiene che la rigenerazione cellulare di tutto l’organismo sia meno attiva, il sistema immunitario indebolito e la compensazione dello stress più faticosa.

La mancanza di sonno aumenta la glicemia

Diversi studi hanno evidenziato che la mancanza di sonno influisce sulla tolleranza glicemica. I valori glicemici risulterebbero aumentati nelle persone che dormono meno di sei ore al giorno. Dopo una settimana di privazione dal sonno, alcuni soggetti presentano una situazione metabolica simile a quella di un diabetico.

Effetti a lungo termine

La serie di effetti immediatamente riconducibili alla privazione del sonno è ben nutrita. Dagli effetti della mancanza di sonno possono alla lunga scaturire anche delle malattie. La sintesi di alcuni studi effettuati da un gruppo di ricerca statunitense spiega come la mancanza di sonno cronica aumenti il rischio di diabete mellito o di patologie cardiocircolatorie. I risultati di questi studi condotti su vasta scala non lasciano dubbi: tendenzialmente, chi dorme meno muore prima. Il limite di questi studi è non aver considerato le persone meno sensibili alla mancanza di sonno. Tali studi rilevano quindi una tendenza, ma non dicono nulla sul singolo.

Diverso da persona a persona

Stando agli esperti, le persone reagiscono in maniera molto diversa alla mancanza di sonno. Mentre in alcuni soggetti le limitazioni cognitive sono minime, altri reagiscono molto sensibilmente e presentano serie difficoltà di concentrazione. Secondo Serge Brand, psicologo e ricercatore del sonno presso l’ospedale universitario di Basilea, l’elemento determinante non è tanto «la durata del sonno, quanto piuttosto la percezione soggettiva della qualità del sonno». La qualità, a sua volta, è strettamente correlata al ritmo e alle fasi del sonno.

Cosa vorrebbe leggere?

Ben assistiti con la CSS

Dorme male?
Il training online del sonno la aiuta ad addormentarsi e a dormire senza interruzioni.
Maggiori informazioni
Pensieri negativi?
Abbattimento e preoccupazioni? Si affidi a un efficace aiuto online.
Richiedere aiuto
Guadagnare fino a CHF 600
Utilizzi active365 e premi il suo stile di vita sano.
Scoprire active365